top of page
  • Immagine del redattoreSilvia

BATTISCOPA: 5 SOLUZIONI PER TUTTI I GUSTI.

Vantaggi di averlo e tips e accorgimenti se non voglio metterlo.


Ben trovati!


Quest’oggi parleremo di un altro componente importante nell’arredamento: la scelta dei battiscopa. Come prima cosa, cominciamo con lo spiegare cos’è e a cosa serve. E’ l’elemento che troviamo posizionato nei primi centimetri della parete, adiacente al pavimento. Può essere di varie misure e di varie forme a seconda dei gusti personali. La sua funzione principale è quella di nascondere i giunti perimetrali, ovvero lo spazio tra la fine del pavimento e la parete. Ma ha anche un’efficienza  importante, ovvero proteggere il muro dai danni che si possono creare toccandolo in continuazione con la scopa, aspirapolvere ecc.

Come ogni elemento d’arredo, abbiamo due elementi importanti da prendere in considerazione: l’aspetto tecnico e l’aspetto estetico.

Avendo fatto qualche accenno alla parte funzionale, parliamo ora di quello che quasi sempre ci interessa di più (spesso anche a discapito della comodità, provate a dire il contrario!), ovvero l’aspetto visivo del battiscopa che andremo a realizzare nella nostra casa.


Parto dunque col proporvi le 5 diverse idee/soluzioni da cui potrete prendere spunto.



  1. Battiscopa dello stesso materiale del pavimento.


La scelta più comune è sicuramente quella di realizzare un profilo che dia continuità al pavimento, soprattutto se questo è il protagonista della stanza. Materiali di qualità, come il parquet, catturano l’attenzione e spesso i nostri clienti si affidano a  noi per la realizzazione del battiscopa e noi possiamo garantire di riprodurre la stessa essenza e la medesima colorazione del loro pavimento.









2. Battiscopa abbinato al tono della parete.


L’ altra maggior opzione presa in considerazione è un profilo che segua la tonalità del  muro, creando un effetto di continuità lungo l’intera parete. Ancora una volta, il legno è protagonista in quanto questo materiale permette di realizzare la colorazione desiderata. In questo caso, se  viene affidata a noi la produzione del profilo, la colorazione viene effettuata in laboratorio tramite un campione del colore che il cliente ci fornisce, posandolo quindi già finito. E’ capitato però che un cliente, molto amante della pittura, abbia richiesto il profilo grezzo, in modo da poterlo dipingere a proprio piacimento. Questa può verificarsi anche se i padroni di casa scelgono di affidarsi al proprio pittore, in ogni caso il battiscopa verrà prima finito e poi posato.



3. Battiscopa filomuro.


Un’opzione sicuramente di stile, è il battiscopa filomuro. Viene spesso scelto dagli architetti per soddisfare la scelta dei loro clienti di avere una casa minimal, contemporanea  e studiata nei minimi dettagli. Di cosa si tratta? E’ un profilo incassato nella parete, che sia muratura o cartongesso, che dona eleganza e raffinatezza all’arredo, creando un aspetto pulito e lineare. Oltre all’aspetto estetico, tra i vantaggi che si possono avere da questa scelta (e son sicura che le donne di casa che stanno leggendo ci avranno già pensato!) è sicuramente l’eliminazione del problema polvere che si deposita sui profili in rilievo, garantendo il massimo igiene. Inoltre, resiste molto all’usura.



4. Profilo metallico.


Un’altra alternativa al classico battiscopa è un profilo metallico filopavimento prodotto da “Minileiste”. Lo speciale design con clip di fissaggio, oltre ad essere una scelta molto innovativa e particolare, rende la posa e la rimozione particolarmente pratica. In produzione esiste inoltre una versione che si estende con un profilo inclinato per qualche cm verso il muro con all’interno una striscia a led, che va a creare un’impronta luminosa lungo il perimetro della stanza ottenendo un impatto visivo molto scenografico e regalando un’atmosfera rilassante e accogliente.



5. Battiscopa? No, grazie!


E se a qualcuno il battiscopa proprio non piace, è possibile farne a meno? Assolutamente sì, ma è bene specificare cosa va tenuto in considerazione. L’assenza di battiscopa è una scelta stilistica, effettuata spesso nella realizzazione di showroom in presenza di materiali particolari. Nulla vieta di ricreare questa ambientazione anche in casa nostra. Se valorizziamo una parete del soggiorno, per esempio, con un rivestimento firmato “Vertical” o con una carta da parati molto decorativa, omettere il profilo permetterà di ottenere un senso di continuità e profondità molto piacevole. Due cose importanti da sapere: questa scelta va fatta al momento della progettazione dei lavori, in quanto si dovrà predisporre la parete in modo da non creare spazi vuoti tra pavimento e muro. L’altra considerazione è che bisogna sapere che il rischio di sporcare o rovinare la parte bassa della parete è molto alto, in quanto appunto non ci sarà il battiscopa a proteggerla. Quindi, tenetevi stretto il contatto del vostro professionista di fiducia, per riparare eventuali danni!


Avete già scelto la soluzione giusta per voi? Ditemi la vostra!

Vi aspetto sotto nei commenti.


Buona scelta a tutti!


Al prossimo articolo, con tanti altri consigli e curiosità.


Silvia.






19 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

コメント


bottom of page